Tutte le mosse di Usa e Ue sull’intelligenza artificiale

La priorità, per entrambi, è non restare indietro rispetto a Paesi come la Cina, che sull’intelligenza artificiale stanno investendo in modo massiccio e sistematico. Per questo sia gli Stati Uniti sia l'Unione europea, hanno deciso - seppur con diverse strategie - di puntare forte su questa tecnologia incentivando gli investimenti nel settore.

Per quanto riguarda Washington, all'inizio di maggio la Casa Bianca ha chiamato a raccolta colossi del Web come Facebook, Amazon, Google e Microsoft, ma anche manager di gruppi come Boeing, Ford, MasterCard e Pfizer ed esponenti del Pentagono e di varie agenzie. La prima mossa annunciata è stata la creazione di un comitato che intende coinvolgere alcune delle menti migliori dei mondi dell’industria, dell’accademia e delle istituzioni. L’obiettivo è quello di creare uno spazio di discussione per elaborare una strategia concreta che miri a coordinare gli sforzi federali relativi all’IA, operando a stretto contatto con l’amministrazione.

Anche l’Ue prova a recuperare il tempo perduto. Bruxelles ha deciso di incrementare di 1,5 miliardi di euro il suo contributo a ricerca e sviluppo nel quadro del programma Horizon 2020, una misura che dovrebbe promuovere ulteriori investimenti per 2,5 miliardi di euro. E anche il Fondo Juncker si concentrerà da qui al 2020 proprio sull'intelligenza artificiale promuovendo un impiego di capitale fino a 500 milioni di euro. Tuttavia questo denaro non è sufficiente. Così, il 10 aprile scorso, ventiquattro Paesi membri tra cui Italia, Francia (che si era già attivata col Rapporto Villani) e Germania, hanno sottoscritto un accordo di cooperazione sull’IA. In questo ambito sarà inoltre fondamentale quanto stanziato dal prossimo bilancio dell’Unione. Per questo, l’esecutivo comunitario proporrà 10 miliardi di euro per questo campo nella programmazione finanziaria 2021-2027. L’intento è quello di raggiungere 20 miliardi di investimenti complessivi l’anno dal 2021, mettendo assieme Ue, singoli Stati membri e privati.

A cura di: Formiche

Formiche sarà Media Partner dello European HR Directors Summit 2018 a Milano il 19 e 20 giugno